Riqualificare un ponte è un’operazione che porta in sé un certo fascino: non si tratta soltanto di un’opera civile, ma un segno indelebile nella storia futura. Nel corso della storia, i ponti sono sempre stati strutture significative e rappresentano l’opera per eccellenza dal punto di vista dell’ingegneria strutturale. Queste opere sono frutto dell’ingegno umano e sono simboli di valore inestimabile per le comunità. Infatti, la loro creazione è sempre andata di pari passo con lo sviluppo tecnologico, garantendo un transito e contatto continuo tra persone e merci.
Comunemente, i ponti sono esposti ad ambienti aggressivi legati alla loro posizione: in ambiente montano sono soggetti a cicli di gelo e disgelo, in ambiente marino all’aggressività della salsedine ed in ambiente urbano all’inquinamento atmosferico. Inoltre, si osserva un continuo aumento del traffico e del carico su queste infrastrutture, che le assoggetta ad azioni esterne importanti.

Le tipologie più ricorrenti prevedono l’impiego di materiali come l’acciaio, il cemento armato ordinario, il cemento armato precompresso e la muratura. Fatta eccezione per l’ultima fattispecie, è possibile collocare la costruzione della maggior parte delle opere nel secondo dopoguerra. Conseguentemente siamo in presenza di un enorme patrimonio esistente, prossimo al termine della vita nominale e che, nella maggior parte dei casi, non ha subito adeguati interventi di manutenzione nel corso degli anni. La concomitanza di queste tre condizioni può portare a crolli con portate catastrofiche per intere comunità con enormi perdite di vite ed economiche. Non sorprende che studi recenti effettuati in Europa e in Nord America hanno evidenziato come la maggior parte dei ponti esistenti versa in condizioni di notevole degrado e che molti di essi necessitano, quindi, di lavori di rinforzo o riparazione, molto spesso urgenti.

Messa in sicurezza e riqualificazione di ponti: l’approccio


In questo scenario risulta fondamentale un approccio unitario che porti alla definizione di una lista di interventi prioritari basata sulla vulnerabilità delle strutture esistenti. Una volta evidenziate le criticità si pone davanti una vasta serie di interventi volti ad incrementare la sicurezza strutturale e la durabilità della struttura, estendendo di fatto la vita nominale dell’opera. A corredo bisogna prevedere un piano di manutenzione ordinaria integrato con un sistema di monitoraggio per estrapolare informazioni in real-time sul funzionamento strutturale.

BL-SOLUTIONS offre una vasta gamma di soluzioni per la riqualificazione, la protezione e la messa in sicurezza dei ponti, gestione e progettazione di sistemi di monitoraggio, in grado di soddisfare le esigenze dei gestori.

Messa in sicurezza e riqualificazione di ponti: la gestione

Un’adeguata valutazione e una gestione del ciclo di vita di un’infrastruttura, dal momento del concepimento a quelli della costruzione e manutenzione, non solo preservano gli investimenti, ma costituiscono una sicurezza per gli utilizzatori di un ponte. La valutazione dei costi di gestione del ciclo vitale fornisce ai proprietari l’approccio migliore per ridurre i periodi di chiusura al traffico al minimo, per distanziare gli interventi di manutenzione e, dunque, per razionalizzare i costi complessivi. In questa ottica assumono importanza i sistemi di monitoraggio che possono guidare gli interventi di manutenzione sulla base dei valori strutturali misurati.

 BL-SOLUTIONS fornisce alle parti interessate soluzioni di monitoraggio e gestione delle infrastrutture, che soddisfino queste esigenze.

Messa in sicurezza e riqualificazione dei ponti: criteri ambientali

Oltre alla sostenibilità, l’eco-responsabilità è diventata sempre più importante, tra i requisiti di riqualificazione dei ponti. Effettivamente, l’impatto ambientale di tali opere pubbliche costituisce una parte rilevante nella valutazione del rischio di ogni preliminare di progetto, secondo le normative vigenti.
L’utilizzo responsabile delle risorse naturali è fondamentale per le generazioni future. Per questo, il progetto di riqualificazione deve considerare la scelta, fin quando possibile, di materiali sostenibili ed ecologici. Tra questi, rientrano quelli che consentono la potenziale riduzione dell’inquinamento, del consumo di energia, dello smaltimento di rifiuti e l’impiego minimo di risorse rare.

BL-SOLUTIONS lotta per un ambiente più sostenibile, ottimizzando la logistica, riducendo il consumo di energia e l’uso delle risorse naturali nei suoi processi di produzione e sviluppo delle soluzioni di riqualificazione innovativa. L’azienda utilizza, inoltre, materiali privi di solventi, al fine di limitare le emissioni di COV (Composto Organico Volatile), per esempio. Inoltre, BL-SOLUTIONS sostiene attivamente numerosi progetti green friendly, per creare un futuro più sostenibile.

Messa in sicurezza e riqualificazione dei ponti: i fattori

Come è stato evidenziato in precedenza, le principali cause di degrado dei ponti sono legati alla loro esposizione ad ambienti aggressivi. Da un lato abbiamo quindi strutture degradate, dall’altro si osserva un incremento dei carichi che portano ad un maggiore impegno degli elementi strutturali.

Infiltrazione di acqua

L’acqua può venire a contatto naturalmente con l’acciaio innescando il processo della corrosione che porta ad una riduzione della sezione resistente riducendo la portanza. Tale processo risulta accelerato dalla presenza dei cloruri disciolti in acqua legati all’impiego dei sali disgelanti soprattutto in ambiente montano o legati ad ambienti marini.

Diossido di carbonio

L’anidride carbonica reagisce con l’idrossido di calcio nella matrice cementizia delle strutture e forma un deposito di carbonato di calcio. Questo processo, noto come carbonatazione, diminuisce la protezione attorno alle barre di armatura nelle strutture in cemento armato favorendo il processo di corrosione.

Erosione e abrasione superficiale

Elementi in calcestruzzo immersi in acqua, come le pile dei ponti, hanno una superficie costantemente esposta all’erosione e all’abrasione. Il danno deriva dall’azione del rapido flusso dell’acqua e delle particelle di sabbia o di altri materiali solidi.

Cicli di carico ed incremento dei carichi viaggianti

I cicli di carico a cui è sottoposta una struttura portano ad un decino delle capacità di resistenza del materiale grazie al fenomeno della fatica. I parallelo si osserva ad un incremento delle sollecitazioni sia statiche che dinamiche trasferite dai veicoli che transitano che generano stati tensionali difficilmente compatibili con le ipotesi fatte in sede di progetto ormai ottant’anni or sono.

H2 Messa in sicurezza dei ponti: considerazioni generali dei progetti di riqualificazione

Prima di definire la strategia di riqualificazione e messa in sicurezza, devono essere presi in considerazione i requisiti relativi al progetto specifico.

Sostenibilità

I lavori di riqualificazione di una struttura possono avere un costo significativo. L’obiettivo, dunque, è ridurre al minimo la frequenza di questi lavori.
I materiali utilizzati per mettere in sicurezza un ponte devono, di conseguenza, avere una durata adeguata che riduce la frequenza dei lavori di messa in sicurezza e allunga il ciclo vitale dell’infrastruttura.

Tempo di interdizione al traffico

La durata della chiusura del ponte o di una corsia di marcia ha un impatto diretto sul costo dei lavori di riparazione. La scelta del tipo di progetto deve assicurare il più rapido ritorno possibile alla normalità e, quindi, minimizzare l’interruzione del traffico.

Problemi estetici

I ponti di cemento sono spesso costruiti secondo concetti innovativi e possono diventare punti di riferimento dell’area in cui sorgono. L’estetica svolge un ruolo importante nella progettazione e riqualificazione di queste infrastrutture e nel loro inserimento nel paesaggio circostante.

Compatibilità

I lavori di messa in sicurezza e riqualificazione dei ponti richiedono l’impiego di materiali compatibili con l’ambiente circostante.
L’utilizzo di fornitori capaci di offrire una gamma completa di materiali, la cui la compatibilità sia stata dimostrata, soddisfa questo requisito.

Valutazione del ciclo di vita


Il costo totale deve tener conto sia del prezzo effettivo dell’opera di restauro sia di quello di manutenzione durante tutto il ciclo vitale dell’infrastruttura. Questa considerazione influenza significativamente la scelta del concetto di riqualificazione e dei materiali da utilizzare.

Esposizione e condizioni del sito

L’esposizione specifica del sito e le condizioni ambientali pesano sia sulla scelta dei materiali sia sulle tecniche da utilizzare.

Riapertura alla circolazione

Ridurre al minimo l’interruzione della circolazione è un obiettivo prioritario. D’altra parte, i lavori di ripristino devono essere effettuati in assenza di traffico. Questo richiede l’impiego di materiali speciali e solo quelli adatti ad applicazioni sotto carico dinamico consentiranno di ottenere la qualità e la durata richieste.

Ecologia

Materiali sostenibili e rispettosi dell’ambiente come quelli senza solventi aiutano a preservare
la salute del pianeta. Ciò costituisce una domanda crescente: in alcuni Paesi l’uso di materiali che rilasciano composti organici volatili comporta il pagamento di una tassa.

Messa in sicurezza e riqualificazione dei ponti: BL-SOLUTIONS

BL-SOLUTIONS è un’azienda leader, in termini di mercato, tecnologia e materiali per l’edilizia. I decenni trascorsi lavorando alla ristrutturazione di ponti e ad altre infrastrutture ci hanno permesso di acquisire esperienza e competenza riconosciute.
BL-SOLUTIONS, oggi, fornisce una gamma completa di soluzioni, appositamente progettate per affrontare sfide e situazioni specifiche di qualsiasi progetto di riqualificazione di ponti e infrastrutture.